DNA per individuare padroni maleducati!

Gerusalemme – Tempi duri per i cani a Gerusalemme, soprattutto per i loro padroni: il comune ha infatti annunciato di essere al lavoro su una banca dati sul Dna degli animali allo scopo di far rispettare al meglio la legge che impone ai padroni di rimuovere le feci dei loro amici a quattro zampe.
Il metodo – che identifica il Dna canino attraverso la saliva e consente di risalire al proprietario, in obbligo di fornirla in precedenza alle autorità – in realtà non è del tutto nuovo. Lo ha messo a punto già nel 2008 il comune di Petah Tikva, cittadina a pochi chilometri da Tel Aviv, che per questo è stata premiata dal New York Times come autrice di una delle migliori invenzioni di quell’anno. Tuttavia, nonostante la genialità del metodo, il tutto si è arenato davanti alla difficoltà legale di obbligare il proprietario del cane a fornire per il database del Dna un campione di saliva del proprio amato. Oggi il comune di Gerusalemme ci riprova, forte di una norma muncipale che impone ai veterinari locali di obbligare i proprietari dei cani a consegnare il fatidico campione di saliva a meno che non vogliano essere multati. Il comune spera così di portare avanti il progetto con un database ben fornito mettendo fine alle pile di escrementi nelle vie. Anche perché a Gersualemme – secondo Zohar Dvorkin veterinario capo della città – i cani, registrati, sono sono circa 11mila a cui va aggiunto un 10-15% non schedato. Il comune – il cui progetto andrà per tappe – si è detto ottimista sulla possibilità di realizzare il database, visto che il 95% dei cani registrati sono vaccinati.
«Dal momento in cui avremo nel database il 70-80% dei cani schedati possiamo cominciare – ha spiegato Dvorkin – a collezionare le loro feci». Da qui il `campione´ sarà inviato in laboratorio e le analisi dovrebbero permettere di risalire al Dna. Per il padrone distratto la multa prevista sarà di 750 shekel, ovvero circa 150 euro, contro i 150 shekel, quasi 30 euro, della spesa per le analisi.
«Andrebbe bene beccarne uno su quattro – ha ammesso Dvorkin – Ma non facciamo tutto questo per i soldi. Anzi èprobabile che ci costerà soldi. L’obiettivo principale resta quello di non mettere il piede in una cacca di cane quando usciamo di casa. È un problema di salute pubblica». Attualmente l’unica possibilità per gli ispettori pubblici di intervenire è quello di intercettare il cane in flagrante, ma anche in questo caso spesso il padrone scappa. «Così – ha detto Dvorkin – non ci sarebbe nessuno a cui dover correre dietro». Del resto a Petah Tikva – pioniera del metodo – hanno notato che è bastato trapelasse il progetto del comune per far registrare una decisa riduzione degli escrementi nelle vie cittadine.

 

L’aLe

Pubblicato il 21 giugno 2012, in Curiosità, Il Nonno Theo e La Zia Pina, Iniziative & Eventi, News, Salute, Uncategorized, Viaggi con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: