La tratta dei cani…

Sentite questa…

Tilla è una cagnolina nera, abitava presso una famiglia di Riano che le voleva bene. A ottobre, il cancello del giardino rimane aperto per errore e un brutto incidente la riduce in fin di vita. La padrona, disperata, la porta di corsa a un canile-rifugio di Capena, che offre servizio veterinario privato. La dottoressa dice che non c´è nient´altro da fare se non l´eutanasia: si assumerà lei il triste incarico. Così la signora, troppo sconvolta per assistere, se ne va affidandole Tilla. Ma un mese dopo, per straordinaria coincidenza, un´amica che conosce bene il cane capita al rifugio e scopre che Tilla non è affatto morta. Incredibilmente, Egle ritrova la cagnolina paralizzata agli arti posteriori e dotata di passaporto, in procinto di partire per la Germania. Dapprima i responsabili della struttura le dicono che una facoltosa coppia romana ha deciso di adottarla e, seduta stante, di portarla con sé in viaggio di piacere. Poi, di fronte alle proteste di Egle, che stupefatta avverte la proprietaria, sopraggiunge a reclamare il cane la furibonda titolare austriaca di un´associazione specializzata in adozioni all´estero, attiva soprattutto nel Lazio. Ne nasce uno scontro molto aspro, vengono chiamati i vigili presso cui Egle e la padrona di Tilla, recuperata fra le lacrime e oggi accuditissima con carrellino da disabile, sporgono una denuncia che si spera venga considerata con attenzione.
L´incontrollato affido di cani e gatti nei paesi stranieri, vere tratte verso l´ignoto con l´avallo di comuni e Asl, che invece di sterilizzare e applicare la legge si sbarazzano lieti dei randagi, è diventato spaventoso in tutta Italia, e non da ultimo nella nostra regione e a Roma. Attenzione: l´accalappiamento illecito di animali vaganti, i furti, le colonie feline decimate, i cani liberi accuditi che scompaiono, la pericolosità di lasciare i propri amici in auto o legati fuori dai negozi, non sono affatto leggende metropolitane…

Ed io rimango paralizzata a guardate La Pina che dorme serena sul divano e Theo che sonnecchia all’ ombra del nostro piccolo susino…
 

L’aLe

Pubblicato il 6 giugno 2012, in Consigli, Il Nonno Theo e La Zia Pina, News, Salute, Uncategorized con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: